21 maggio 2022

Questo sabato, i due piloti intendevano concretizzare le buone performance intraviste ieri durante le prove libere. Stamattina, Fernando ha segnato il tredicesimo crono delle Prove libere 3, mentre Esteban il decimo.

 

Il clima è rimasto caldo a Barcellona (più di 35 °C nell’aria e quasi 50 °C sulla pista) e alcune vetture hanno mostrato segni di surriscaldamento nel corso dell’intera giornata. Durante le qualifiche, purtroppo, Fernando non è riuscito ad andare oltre la Q1. Lo spagnolo, che partecipa al suo Gran Premio di casa per la 19a volta nella sua carriera in Formula 1, è arrivato diciassettesimo con un tempo di 1’21’’043. Esteban è riuscito a passare in Q2 per 0’’074, portandosi in sedicesima posizione. In Q2, Esteban ha tentato il tutto per tutto per avvicinarsi alla top 10. Dodicesimo, gli mancavano due decimi per andare più lontano.

 

Esteban Ocon: P12 - 1’20’’638

 

Non è una giornata positiva per noi. È davvero frustrante perché sappiamo che la vettura potrebbe regalare performance migliori. I nostri pneumatici si sono surriscaldati durante le qualifiche mentre noi correvamo alla velocità minima necessaria durante i nostri giri di uscita, complicando notevolmente la sfida che rappresentava un passaggio in Q3. Per noi domani si prospettano diverse strategie, che renderanno le cose interessanti per la corsa. Possiamo giocare pressoché con tutte le combinazioni di pneumatici possibili e sappiamo di dover contare sulla strategia affinché la nostra giornata di domani sia positiva. Inizierò la corsa in una posizione migliore rispetto a Miami, quindi vedremo cosa riusciremo a fare per ripartire con dei punti”.

 

Fernando Alonso: P17 - 1:21.043

 

Per me è stata una sessione di qualifiche difficile, soprattutto a causa di un piccolo malinteso sul mio ultimo giro in Q1. Pensavo che avessimo uno o due secondi di margine per tagliare il traguardo, ma in realtà ne avevamo venti. Una svista che abbiamo pagato a caro prezzo poiché, come sappiamo, è molto difficile sorpassare su questo circuito. Vedremo domani, perché durante le ultime corse, alcuni piloti partiti in fondo alla griglia hanno usufruito di una safety car uscita al momento opportuno per raggiungere la top 10. Speriamo che sia così anche per noi. Forse avremo fortuna e porteremo a casa dei punti. Oggi la vettura non era rapida quanto ieri e dobbiamo capire il motivo”.

 

Otmar Szafnauer, team principal

 

Siamo delusi dal risultato delle qualifiche, che non è all’altezza delle nostre aspettative. Non riflette il vero potenziale della nostra vettura, visto durante le promettenti prove di venerdì. Purtroppo, nessuna delle nostre monoposto è nella top 10, per motivi differenti. Per quanto riguarda Fernando, c’è stato semplicemente un problema correlato al cronometraggio, tanto che si è posizionato male nel traffico durante il suo giro di uscita, compromettendo il suo tentativo. Esteban è riuscito a farsi valere in Q1 e ha fatto un ottimo lavoro in Q2, rispettando soprattutto la velocità minima necessaria durante i suoi giri di uscita, al contrario di un numero significativo dei suoi rivali. Nonostante tutto, non è riuscito a raggiungere la top 10 e dovremo capire perché, dal momento che eravamo sicuri di avere il ritmo giusto per essere in Q3. Ma domani è un altro giorno. Eravamo delusi dopo le qualifiche a Miami, ma ciò non ci ha impedito di fare una buona corsa domenica scorsa, quindi non è ancora finita. Faremo del nostro meglio relativamente alla strategia e sono sicuro che anche Fernando ed Esteban avranno voglia di rimontare domani in corsa