17 febbraio 2022

BWT Alpine F1 Team ha il piacere di ufficializzare le candidature di Otmar Szafnauer a direttore del team e di Bruno Famin a direttore esecutivo di Alpine Racing a Viry-Châtillon, entrambi associati a Laurent Rossi, CEO di Alpine. Come annunciato a novembre 2021, questa organizzazione mira a ottimizzare le prestazioni della scuderia al momento dell’entrata in vigore la nuova regolamentazione tecnica. L’arrivo di questi due professionisti esperti e famosi nel mondo dell’automobilismo indica l’ambizione di BWT Alpine F1 Team di gareggiare per il titolo nelle sue prime cento corse, definita da Luca de Meo, CEO di Renault Group, e da Laurent Rossi.

 

Nel ruolo di direttore di team, Otmar Szafnauer condurrà BWT Alpine F1 Team a Enstone e sulle tappe del calendario. Otmar è uno dei dirigenti più talentuosi e rispettati della Formula 1 e metterà a disposizione di Alpine i suoi trentatré anni di esperienza nell’automobilismo. Il suo obiettivo sarà gestire il team per far gareggiare Alpine in maniera regolare in tutti gli aspetti delle sue operazioni, tra cui l’ingegneria e la gestione delle corse. Otmar aiuterà anche la scuderia a sfruttare tutto il talento di Esteban Ocon e Fernando Alonso.

 

Dopo aver iniziato la sua carriera come ingegnere presso Ford Motor Company, Otmar è approdato in F1 diventando direttore delle operazioni di British American Racing nel 1998, quindi vicepresidente del programma F1 di Honda. Otmar ha sempre dimostrato la sua capacità di tirare fuori tutto il potenziale di una squadra durante i suoi differenti mandati. Ha quindi fatto passare la Force India dall’ultimo posto alla quarta posizione della classifica generale, nonostante il budget più limitato e il minor numero di dipendenti tra tutte le scuderie. Ha portato anche la Racing Point alla sua prima vittoria e al quarto piazzamento nel Campionato costruttori già dalla sua seconda stagione e la Aston Martin al primo podio della sua storia in F1.

 

Bruno Famin metterà la sua esperienza unica anche a disposizione di Alpine. La sua missione è portare avanti lo sviluppo del motore Alpine in Formula 1 e massimizzare i trasferimenti di tecnologie della F1 verso i modelli di serie. Bruno e il team tecnico di Viry-Châtillon introdurranno le misure e le strutture necessarie per assicurarsi che il telaio del team di Enstone disponga di un gruppo propulsore competitivo nell’ambito della nuova regolamentazione.

 

Recentemente direttore delle operazioni del reparto sport della FIA, Bruno ha dimostrato il suo valore per oltre quindici anni presso Peugeot dirigendo il reparto tecnico del programma Endurance, conquistando le 24 Ore di Le Mans 2009 e intascando ventiquattro vittorie in trentadue corse con la Peugeot 908. Direttore di Peugeot Sport nel 2012, ha rilanciato il programma sportivo del brand, sviluppando tecnologie che portano le sue vetture al successo: record a Pikes Peak nel 2013, il Campionato del mondo Rallycross per squadre nel 2015 e tre vittorie consecutive in Dakar tra il 2016 e il 2018. Inoltre, ha supervisionato la progettazione dei veicoli sportivi di Peugeot applicando tecnologie performanti e inizialmente concepite per la gara ai modelli di serie.

 

Dopo essere entrato a far parte della scuderia nel 2021, Davide Brivio continuerà a mettere a disposizione la sua ineguagliabile esperienza nell’identificazione e nello sviluppo dei potenziali nel suo nuovo ruolo di racing director, supervisionando tutte le discipline, comprese quelle in cui è impegnata l’Alpine Academy. Determinante nelle prestazioni di Alpine nel 2021, lo spirito di squadra mostrato da Fernando Alonso ed Esteban Ocon sarà incoraggiato da Davide in tutte le gare. Nell’ambito della sua missione, Davide avrà anche la responsabilità di identificare, sviluppare e concretizzare progetti legati a nuove opportunità nel mondo dell’automobilismo per Alpine, nonché di esplorare nuovi territori che possano favorire lo sviluppo di Alpine nell’ambiente sportivo.

 

Laurent Rossi, CEO di Alpine:

 

“Abbiamo superato un traguardo nel 2022 con gli arrivi di Otmar e Bruno. Otmar metterà a disposizione la sua esperienza unica nell’automobilismo e il suo fermo desiderio di vittoria, mentre Bruno vanta una ricca storia nella progettazione di tecnologie che fanno la differenza in gara e il loro trasferimento verso la serie, un elemento essenziale nel nostro progetto in quanto team sportivo e brand. Durante l’ultimo anno, ho anche apprezzato il talento di Davide nel tirare fuori il meglio di ognuno, cosa che ci ha permesso di lavorare nel miglior modo possibile. Sono lieto di avvalermi di questo talento esclusivo in tutte le attività di Alpine, ma anche in quelle nuove che stiamo per esplorare. Il nostro team di “racer” è ora completo e pronto a schierare in pista la scuderia verso i suoi obiettivi ambiziosi nel 2022”.

 

Otmar Szafnauer, direttore di team di BWT Alpine F1 Team:

 

“Sono fiero di far parte di BWT Alpine F1 Team e sono pronto a lavorare con tutti per affrontare la nostra sfida: incoraggiare la scuderia a battersi per conquistare titoli nelle prossime cento corse. La mia attenzione è incentrata sulla preparazione dell’inizio della stagione in Bahrein. Essendo uno dei tre produttori di automobili coinvolti nella Formula 1, Alpine ha tutte le carte in regola per realizzare le sue ambizioni e non vedo l’ora che questa avventura inizi!”.

 

Bruno Famin, direttore esecutivo di Alpine Racing:

 

“È fantastico tornare a correre e, ancora di più, far parte di Alpine con queste ambizioni e il suo talento unico nell’ingegneria. Viry-Châtillon fa parte delle più grandi officine immaginabili, non vedo l’ora di unirmi ai suoi incredibili talenti e lavorare al fianco dei team di Enstone, Dieppe, Les Ulis e Boulogne-Billancourt”.

 

Davide Brivio, racing director:

 

“Il team di “racer” di Alpine costituisce l’elemento chiave delle sue prestazioni a lungo termine e sono fiero di poter contribuire a questa appassionante missione, forgiando una nuova cultura responsabile e inclusiva nella competizione. La Formula 1 è una vetrina, ma a noi spetta anche sviluppare le nostre ambizioni su territori inesplorati e sono pronto ad affiancare Laurent Rossi nel percorso verso questo obiettivo”.