Il team di F1

DIRETTORE TECNOLOGIA

Pat FRY

Pat si è unito ad Alpine F1 Team nel febbraio 2020 come direttore tecnico telai. All’alba del suo secondo anno a Enstone, Pat tenterà di far avanzare lo sviluppo dell’A521 in corso di stagione, concentrandosi al contempo sulla futura vettura del 2022 prima dei grandi cambiamenti previsti nelle regole della Formula 1.

Pat Fry - Management - Team F1 Alpine

Biografia

Pat è entrato in Alpine F1 Team nel ruolo di direttore tecnico telai nel febbraio 2020, prima di diventarne direttore della tecnologia nel febbraio 2022. In questo ruolo, Pat supervisiona tutte le attività tecniche di Enstone. È infatti incaricato di fissare gli obiettivi prestazionali della monoposto, definire le competenze tecniche e i mezzi necessari e individuare future tecnologie dall’impatto dirompente. Pat valuterà anche i principali compromessi legati alle prestazioni e definirà la strategia di sviluppo a lungo termine, per massimizzare le prestazioni nei limiti del tetto di bilancio.


Nato nel Surrey (Regno Unito), Pat vanta una ricca esperienza in Formula 1, avendo lavorato per McLaren, Ferrari, Manor e Benetton sin dai primi passi mossi in questo sport a partire dal 1987. La sua carriera inizia presso il reparto ricerca e sviluppo di Benetton a Witney, dove si occupa dei sistemi di sospensioni attive. Dopo un breve passaggio al team di collaudo, ottiene il suo primo posto in pista diventando ingegnere di corsa di Martin Brundle nel 1992.


Nel 1993 Pat entra in McLaren, dove contribuisce a conquistare 66 vittorie, un titolo costruttori e tre titoli piloti. A Woking, Pat assume diversi ruoli, innanzitutto nel team di collaudo, prima di diventare ingegnere di corsa di Mika Häkkinen e David Coulthard. In seguito, supervisiona le due monoposto della scuderia, per poi essere promosso capo ingegnere allo sviluppo. L’incarico così assegnatogli si rivela determinante nel successo di McLaren.


Dopo 17 anni trascorsi in McLaren, nel luglio 2010 viene ingaggiato dalla Ferrari. Prima direttore tecnico aggiunto e successivamente responsabile dell’ingegneria di pista, a Maranello Pat si vede affidare ruoli dirigenziali, tra cui quelli di direttore telai e direttore ingegneria.


Nel dicembre 2014 lascia la Ferrari, ma nel 2016 ritorna in F1 come ingegnere consulente per Manor Racing. Pat ritorna in McLaren nel 2018 come direttore tecnico ad interim, aiutando così il team a terminare al quarto posto e ad ottenere la miglior classifica dal 2012, prima di recarsi a Enstone.