10 aprile 2022

Tra i primi dieci in ogni corsa dall’inizio dell’anno, Esteban punta al settimo posto del Campionato piloti, mentre il team è ormai quinto del Campionato costruttori. Esteban ha condotto una buona gara con regolarità, passando sotto la bandiera a scacchi al settimo posto dopo essere partito ottavo, grazie a una strategia di un solo stop (che l’ha visto lasciare le gomme medie per le dure) effettuato al 17° giro. Dopo il grande impegno profuso dai meccanici per preparare la A522 n. 14, Fernando ha optato per la strategia opposta, passando dalle gomme dure a quelle medie, che sembrava promettente a metà corsa di questo Gran Premio di 58 giri. La safety car arrivata al momento sbagliato, in seguito a un incidente al 24° giro, ha tuttavia infranto le sue speranze di segnare punti. Fernando ha imboccato la corsia dei box al 39° giro, in regime di safety car virtuale, poi i suoi pneumatici medi si sono deteriorati, costringendolo a tornarvi al 53° passaggio. Il team guarda ormai a Imola, tra due settimane, con l’obiettivo di consolidare questo ottimo inizio di stagione 2022.

 

Esteban Ocon/Partenza : 8° - Arrivo : 7°

 

“ Concludiamo questo week-end con sentimenti contrastanti. Ovviamente, terminare la corsa in settima posizione è un ottimo risultato, soprattutto dopo questo week-end così difficile per me. Ieri non è stata la nostra giornata migliore e questo ha influito sul nostro Gran Premio. Abbiamo quindi molti insegnamenti da trarre con il team da questi due giorni appena trascorsi, perché sappiamo che c’è ancora del potenziale da sfruttare. In maniera più generale, ho concluso in zona punti le tre corse disputate fino a oggi e lascio l’Australia soddisfatto del mio inizio di stagione. Voglio fare di più e non vedo l’ora di essere alla prossima gara” .

 

Fernando Alonso. Partenza : 10° - Arrivo : 17°

 

“ A essere del tutto onesti, sono scocciato da questo week-end. Non riesco ad accettare completamente questo risultato e la sfortuna che ci ha colpito in Arabia Saudita e di nuovo qui a Melbourne. Oggi potevamo puntare al sesto posto, il podio era persino fattibile prima del problema che abbiamo riscontrato ieri durante le qualifiche. La nostra strategia era quella giusta e la vettura era performante con le gomme dure. Il ritmo c’era, rispetto ai nostri rivali diretti partiti con le medie, ma la safety car ha riavvicinato le posizioni mettendo fine alle nostre speranze. Oggi i sorpassi erano difficili, soprattutto in quel gruppo in cui tutti potevano utilizzare il DRS a fine corsa. Poi i nostri pneumatici medi si sono deteriorati e abbiamo dovuto fermarci di nuovo. Ci sono ancora venti corse da disputare e spero che la fortuna ci assista per il resto della stagione ! ”. Laurent Rossi, CEO di Alpine : “ Nel complesso siamo delusi dal nostro risultato di oggi. Ma dopo tutto è un buon segno non essere soddisfatti, perché questo dimostra fino a che punto siamo progrediti come squadra. Sappiamo che avevamo la velocità e il potenziale per ottenere un risultato decisamente migliore con le nostre due vetture, ma il week-end non è andato a nostro favore. È difficile fare sorpassi su questa pista (ancora di più se la si confronta con le prime due visitate in questa stagione) ed eravamo consapevoli che il risultato delle qualifiche di sabato avrebbe influenzato molto il risultato della nostra corsa. Quando le tue monoposto partono in ottava e decima posizione, è sempre complicato risalire nella classifica. Dopo un inizio promettente, la safety car ha penalizzato soprattutto Fernando, che stava gestendo bene una strategia discreta ma efficace, partendo con pneumatici duri per passare poi ai medi. Complessivamente, abbiamo dimostrato di essere competitivi e continueremo a lavorare sulla buona base che abbiamo a disposizione, alla quale apporteremo qualche miglioramento per le prossime corse in modo da continuare a batterci nella parte alta della griglia. Lavoreremo perciò sulla regolarità, in modo da posizionare le due vetture in zona punti. Ho fiducia nel fatto che tutti, a Enstone e a Viry, continueranno a lavorare sodo per far progredire questo team che se lo merita. Ormai guardiamo alla prossima tappa e al nostro ritorno in Europa, a Imola. Il nostro team è davvero sulla strada giusta e sta a noi, ora, mantenere alto il livello di motivazione in vista della lotta per il campionato” .